Come capire se un sito è ottimizzato in ottica SEO

da | 3 Mag 2022

Quante volte ti capita di andare oltre la prima pagina di Google quando effettui una ricerca in rete? Diciamoci la verità, è molto raro. Per questo motivo avere un sito ben posizionato sui motori di ricerca può avere enormi vantaggi e influire molto sull’attività, anche in termini di vendite e visibilità del brand.

Avere un sito ottimizzato tramite tecniche SEO permette, oltre che di migliorare il proprio posizionamento in rete, anche di incrementare il traffico degli utenti interessati tramite ricerca organica su Google.

Ma cos’è la SEO?

La SEO (Search Engine Optimization) rappresenta l’insieme delle strategie che permettono ad un sito di raggiungere un buon posizionamento nei motori di ricerca all’interno dei risultati organici, non a pagamento.

Esistono due diverse aree in cui un sito può essere suddiviso in termini di ottimizzazione delle prestazioni:

  • SEO on page: questo tipo di analisi prende in esame gli elementi interni del sito quali la struttura del testo, i link interni, le immagini e i relativi tag che devono contenere le keyword principali per cui si vuole posizionare il proprio sito.
  • SEO off page: questa analisi, invece, analizza gli elementi esterni al sito in particolare le menzioni provenienti dall’esterno con i relativi link e le condivisioni sui social.

Ti stai chiedendo se il tuo sito è “bello ma non balla” oppure è ben visto dai motori di ricerca? Andiamo a vedere i fattori da considerare per una buona valutazione SEO.

I parametri da considerare per un’analisi SEO

Esistono quattro parametri da tenere bene a mente quando si vuole valutare il posizionamento del proprio sito sui motori di ricerca:

  • Autorità del sito: Google tiene in considerazione molti parametri per determinare l’autorità di un sito web. Tra i principali ci sono l’anzianità del dominio, la qualità dei backlink (essi sono uno dei punti di riferimento di Google per capire la rilevanza di un contenuto, se linkato da fonti con un buon ranking infatti, viene considerato più autorevole rispetto ad altri dello stesso argomento).
  • Velocità: un sito che impiega troppo tempo a caricare fa sì che gli utenti vadano a cercare altrove le informazioni. Per questo è importante aumentare la velocità di caricamento delle pagine riducendo le dimensioni delle immagini, video, script e degli elementi interni al sito per evitare sopraccarichi e quindi problemi.
  • Ottimizzazione dei testi: i testi delle pagine del sito devono essere ottimizzati per far sì che si posizionino sui motori di ricerca. Un suggerimento è quello di inserire la keyword principale nel primo e nell’ultimo paragrafo in modo da essere più facilmente ricordata dagli utenti. Un altro fattore importante da tenere in considerazione è la densità di parole chiave all’interno del testo anche se è sempre bene non esagerare per non rischiare l’effetto opposto ed essere penalizzati da Google (keyword stuffing).
  • Uso corretto dei tag e dei meta tag: questi sono una delle parti principali del sito e devono contenere le keyword principali su cui ottimizzarlo. Tag Title e Meta Description sono rispettivamente il titolo e una breve descrizione del contenuto della pagina visualizzati nella SERP di Google. Entrambi devono avere testi ottimizzati per fare in modo che siano premiati dai motori di ricerca privilegiando l’inserimento della keyword principale all’inizio del testo. Altre tipologie di tag sono i “tag heading” ovvero i titoli dei paragrafi ordinati per importanza da H1 a H6.

Come so se il mio sito è ottimizzato in ottica SEO?

Vedere il proprio sito in alto nella SERP una volta digitato il nome del proprio brand non vuol dire essere ottimizzato in ottica SEO, e neanche vederlo posizionato per una parola chiave. Quindi come fai a capire se il tuo sito è ottimizzato correttamente?

Il primo step è quello di fare un test tramite la ricerca in incognito perché Google ha memoria della nostra attività online e se visitiamo spesso il nostro sito tenderà a mostrarcelo nelle nostre ricerche più in alto rispetto al suo reale posizionamento, che quindi risulta falsato. Usare la modalità in incognito permette, quindi, di mostrarci la sua posizione reale nella SERP rispetto ai brand concorrenti.

Come secondo step conviene sempre verificare la velocità di caricamento della propria pagina web dato che è un parametro tenuto molto in considerazione dai motori di ricerca in ottica di posizionamento. Per fare questo uno strumento molto utile è Page Speed, un tool fornito direttamente da Google con cui poter effettuare un primo e veloce test per capire se il tuo sito è veloce e rispetta i parametri SEO. Page Speed è facile da comprendere anche per i non esperti perché fornisce un punteggio ed un indicatore della qualità in base al colore: verde, arancione o rosso in base al livello di ottimizzazione del sito stesso.

L’ultimo passaggio per individuare le prestazioni del proprio sito web in ottica SEO gli strumenti da tenere in considerazione sono:

  • SEO Tester Online: il nostro strumento che raccoglie circa 70 tool per chi lavora nel digital marketing, in particolare per chi si occupa di SEO come l’analisi di un sito web, l’analisi della concorrenza, il test di velocità di un sito e chi ne ha più ne metta.
  • SEOZoom: uno strumento di marketing che offre svariati servizi SEO in particolare permette di analizzare volumi di traffico, monitorare le keyword ed esaminare i competitor.
  • Semrush: una suite che permette l’analisi completa di un sito in ottica Seo e tantissime altre funzionalità.

In conclusione…

Avere un sito ottimizzato in ottica SEO e ben posizionato sui motori di ricerca è indispensabile per poter essere davvero presenti online. Il sito più bello del mondo senza una buona SEO è totalmente inutile, perché nessuno lo vedrà mai (a meno che non si tratti di un brand già molto noto). Se Google non ti legge bene, nessuno ti trova, ormai qualunque ricerca passa da Google!

In questo articolo ti abbiamo fornito alcuni spunti e indicazioni per effettuare una valutazione del tuo sito e capire se chi l’ha realizzato ha fatto un buon lavoro o si è limitato a consegnarti una bella vetrina digitale.

Se hai ancora dei dubbi e vorresti una consulenza più precisa e puntuale oppure in seguito alle tue valutazioni hai potuto osservare che la SEO del tuo sito non è propriamente eccellente CHIAMACI e prendi un appuntamento qua in agenzia, ti offriamo un dolcetto al pistacchio!

Altri articoli dal nostro Magazine