Fare ADV su Pinterest: la guida per una perfetta strategia

da | 7 Giu 2022

Hai mai sentito parlare di Pinterest? Si tratta della piattaforma che sta sempre più spopolando sul web tra donne e ragazze più giovani. Pinterest è a metà tra un social e un motore di ricerca per immagini e considerando che la maggior parte della comunicazione oggi avviene a livello visivo questa piattaforma ha sicuramente tanto da offrire soprattutto in settori come quello dell’arredamento, del beauty, della moda e non solo.

Al momento l’app registra circa 442 milioni di utenti attivi ogni mese, la maggior parte sono mamme e ragazze giovani ma è in crescita anche la percentuale di pubblico maschile rispetto agli anni scorsi.

Quest’applicazione è un grande alleato per strategie di content marketing in quanto dà rilevanza a contenuti visivi piuttosto che testuali o uditivi. Pinterest è l’ideale per promuovere i siti o i blog, perché, a differenza di Instagram, consente di inserire i link ai Pin per rimandare direttamente all’acquisto dei prodotti o agli articoli che ne parlano.

Pinterest ADS è una sorta di Business Manager della piattaforma, serve a far apparire gli annunci giusti alle persone giuste e indurle a visitare il sito del brand o a effettuare un acquisto.

Pinterest è la piattaforma ideale per chi cerca spunti e ispirazioni, idee su come arredare la casa, ‘ultimo taglio di capelli, o l’outfit perfetto per un’occasione speciale. Insomma, ispirare è la sua specialità! Proprio per questo motivo, a differenza di altri social network, gli annunci pubblicitari non disturbano l’utente ma, anzi, lo arricchiscono per un’esperienza di navigazione a 360°.

Gli step per la creazione di una campagna su Pinterest

Pinterest ADS consente la creazione di campagne sponsorizzate sulla piattaforma per raggiungere gli utenti interessati al contenuto che si vuole mostrare.

Quali sono gli step per creare un annuncio su Pinterest?

  1. Crea un account aziendale
  2. Scegli il formato da sponsorizzare
  3. Stabilisci gli obiettivi
  4. Imposta il target
  5. Analizza i dati

Andiamo ad approfondirli.

Creazione di un account aziendale

Registrarsi su Pinterest è gratuito sia per quanto riguarda l’account personale che quello aziendale. Per poter creare gli annunci è necessario, però, possedere il secondo e le opzioni quindi sono due: o registrarsi direttamente all’app come azienda oppure effettuare il passaggio da un tipo di account all’altro non perdendo né followers né Pin.

E se cambio idea? Nessun problema, si può tornare indietro in qualsiasi momento!

Avere un account professionale permette di sbloccare le funzioni pubblicitarie e gli strumenti utili alla sponsorizzazione dei contenuti e di accedere alla piattaforma da più profili a seconda del ruolo assegnato dall’amministratore.

Quando si crea un profilo è molto importante fare attenzione anche all’aspetto grafico che deve essere affidabile e riconoscibile da un punto di vista di branding: un suggerimento è quello di utilizzare un video o un’immagine di copertina che catturino subito l’attenzione dell’utente.

Scegli il formato giusto per i tuoi contenuti

Gli annunci di Pinterest possono apparire nel feed, nelle singole categorie o nei risultati di ricerca.

I contenuti della piattaforma vengono definiti Pin, possono avere formati diversi e per poter essere sponsorizzati devono essere pubblici, essere inseriti in bacheche pubbliche, avere un URL di destinazione e rispettare le regole pubblicitarie della piattaforma.

I formati dei contenuti disponibili all’interno di Pinterest sono:

  • Immagine standard verticale o quadrata
  • Video a larghezza standard o massima
  • Shopping Ads (annunci per gli acquisti)
  • Carosello composto da più immagini in sequenza
  • Formato ibrido (combinazione di immagini e video)

Alcuni di questi sono disponibili solo in alcuni paesi anche se la piattaforma si sta espandendo sempre di più e presto si troveranno a livello globale.

Stabilisci l’obiettivo della campagna

Questo step è prioritario per la pianificazione di ogni azione di marketing efficace. Conoscere lo scopo che deve raggiungere il tuo contenuto attraverso l’azione pubblicitaria è fondamentale per tutti gli altri passaggi: dalla scelta del formato da utilizzare alla composizione del target a cui mostrare l’annuncio.

Su Pinterest gli obiettivi da poter impostare sono:

  • Awareness: permette agli utenti di conoscere il brand;
  • Considerazione: serve a incrementare il numero di clic sul contenuto;
  • Conversioni: si utilizza quando si vuol far compiere una determinata azione al target come visitare la nostra pagina, scaricare un certo contenuto, compiere un acquisto, ecc.
  • Vendite in negozio: spinge le persone a effettuare un acquisto anche direttamente dalla piattaforma come avviene anche su Facebook e Instagram.

Qual è il tuo pubblico?

Dopo aver stabilito l’obiettivo che il contenuto deve perseguire è importante impostare un target a cui rivolgerlo che sia il più possibile coerente con il settore di riferimento e con ciò che si va a mostrare.

Su Pinterest Ads si può scegliere l’opzione del “targeting automatizzato” dove la piattaforma sceglie un pubblico automaticamente che sia il più adatto possibile rispetto al contenuto sponsorizzato. L’alternativa è impostare manualmente i seguenti criteri:

  • Dati demografici: età, genere, geolocalizzazione e lingua;
  • Interessi: imposta questo criterio in base a che argomenti seguono gli utenti a cui vuoi rivolgerti;
  • Parole chiave: inserendo termini di ricerca che potrebbero cercare gli utenti i tuoi annunci appariranno nei loro risultati e in quelli correlati;
  • Elenchi di clienti: puoi caricare direttamente sulla piattaforma anche un elenco specifico di clienti per indirizzare i tuoi annunci a persone che hanno già interagito con la pagina o con il brand;
  • Pubblico act-alike: rappresentano i cosiddetti “pubblici simili” di Facebook e sono quei gruppi di utenti che Pinterest crea in automatico sulla base di comportamenti e interessi simili di coloro che hanno già interagito o sono già clienti.

Pinterest Ads: i dati analizzati

Come ogni piattaforma pubblicitaria che si rispetti Pinterest Ads comprende anche tutta la parte di analisi dei dati che mostra quali contenuti hanno ottenuto maggior successo. Un dato molto utile per decidere di replicare un contenuto simile in futuro e per stabilire, invece, quali aspetti sono da evitare nei successivi annunci.

Le metriche principali rilasciate dalla piattaforma in questa fase sono:

  • Numero di impression e di interazioni
  • Clic in entrata e in uscita sul contenuto
  • Parametri di riproduzione video
  • Coinvolgimento
  • Visualizzazioni
  • Salvataggi

Quanto costa fare ADV su Pinterest?

Il prezzo di un annuncio varia a seconda dell’obiettivo e delle tempistiche che sono state impostate. A seconda di questi parametri sono stati stabiliti dei prezzi medi da tenere come punto di riferimento:

  • Brand awareness: 1,90€ – 4,70€ per 1000 impression (comprende coloro che hanno visualizzato il contenuto ma non per forza hanno compiuto un’azione);
  • Coinvolgimento: 0,01€ – 1,40€ per ogni coinvolgimento (interazione con il contenuto);
  • Traffico: 0,01€ – 1,40€ per ogni coinvolgimento.

I consigli per un Pin di successo

Come cita il sito ufficiale di Pinterest: “Un Pin di successo deve essere visivamente accattivante, raccontare una storia interessante e invogliare le persone a scoprire di più”. Per far sì che ciò avvenga ci sono dei consigli da tenere in considerazione!
Per quanto riguarda le immagini prediligi il formato verticale e foto che rappresentano il prodotto stesso, evita rappresentazioni astratte non realistiche. Inserisci il logo in modo che il brand sia ben riconoscibile ma evita di metterlo in basso a destra perché verrà coperto da quello della piattaforma! Inserisci dei testi brevi sopra le immagini diversi per ogni paese e fai in modo che ogni Pin abbia un link funzionante a cui rimandare.

Nel creare un Pin in formato video, invece, cattura l’attenzione fin dai primi secondi con frame accattivanti, sii chiaro e sintetico (la durata ideale è tra i 6 e i 15 secondi), scegli un’immagine di copertina che colpisca e per ultima cosa ma non meno importante prediligi il testo anziché l’audio perché molti utenti tendono a riprodurre i video a volume basso.

In conclusione…

Come abbiamo visto gli annunci su Pinterest sono molto simili a quelli delle altre piattaforme social come Facebook e Instagram. Quando scegliere Pinterest? Dipende dal settore e dalla tipologia di pubblico che vuoi raggiungere! Se il tuo brand punta sulla parte visiva e sulle immagini Pinterest è quello che fa per te. Oggi immagini e video sono una parte fondamentale e nel marketing sono sempre più in primo piano.

Se desideri sperimentare qualcosa di nuovo e inserire il tuo brand in un vortice di contenuti ispirazionali per indurre gli utenti all’acquisto… CHIAMACI e passa qua in agenzia! Ti aiuteremo a progettare una strategia ad hoc per il settore della tua azienda e ti offriremo un dolcetto al pistacchio!

Altri articoli dal Blog